25/09/09

Assistenza tecnica Asus Italia: pessimo servizio

Uno ha il diritto d'incazzarsi? Sì.
Sono trascorsi otto giorni da quando ho contattato Asus Italia per mandare il mio EeePC 1000H in assistenza. Il computer è in garanzia essendo stato acquistato di recente: gennaio per la precisione. Dopo essermi accorta del guasto - hard disk difettoso - sono andata dritta dal negoziante che me l'ha venduto e lì mi sono sentita dire che "era meglio se chiamavo il numero a pagamento personalmente, da privata, perché avrei impiegato meno tempo per attivare la pratica." Vabbe' mi son detta, se si tratta di risparmiare tempo - visto che il pc mi serve per la scuola - diamoci da fare!

Rientrata in ufficio ho subito contattato il numero a pagamento 199 400 089 (12 centesimi di euro al minuto) per attivare la RMA: procedura di reso in riparazione. Niente di difficile. Rispondi a qualche domanda sul guasto, ti chiedono il numero di serie e spediscono subito l'e-mail per la pratica. Dopo qualche minuto eccola nella mia casella di posta elettronica. Wow! Penso, che velocità. Il messaggio mi inoltra a un modulo online da compilare dove, fra le altre, leggo: "Qualora l'intervento non fosse da ritenersi in garanzia, si accetta fin d'ora l'addebito del diritto fisso d'intervento che varia da 62 Euro + IVA 20% a 93 Euro + IVA 20%, a seconda del componente sostituito e si riserva di accettare il preventivo per la riparazione che verrà formulato dall'ufficio tecnico. Nel caso in cui non vengano riscontrati vizi e/o difetti (prodotto regolarmente funzionante) si accetta ugualmente il pagamento di un diritto d'intervento pari a 35 Euro + IVA 20%." Be' io non corro rischi, credo, perché il mio PC non parte proprio.

E più sotto: "Si prende atto che gli invii non sono assicurati e ASUSTEK ITALY SRL non risponderà in nessun caso di furti, perdite, avarie, nonchè dei danni al materiale trasportato, una volta che questo verrà preso in consegna dal corriere. Ne consegue che nel caso in cui si desidera assicurare il collo, le spese di assicurazione sono a proprio carico e si dovrà dare comunicazione compilando gli appositi spazi prestampati e contattando il Centro Assistenza Autorizzato ASUS. Nel caso in cui si volesse avvalersi di un altro corriere tale comunicazione non sarà necessaria." Ah, però. Mica come Acer, che mi ritira i monitor dello studio gratuitamente e si assume tutte le responsabilità. Qui si chiede l'obolo di € 18,60! IVA compresa però. Va bene, resto calma. Il PC mi serve, quindi pago anche questa spesa.

Spunto le caselle e invio il modulo. Ma, attenzione! Dopo il mio click compare un messaggio d'avviso in maiuscoletto: "LA PREGHIAMO DI FORNIRE PROVA DELL'AVVENUTO PAGAMENTO ASSICURAZIONE ENTRO 48 ORE DAL RICEVIMENTO DEL NUMERO DI RMA. IN MANCANZA DI TALE COMUNICAZIONE IL TRASPORTO VERRA' RICONOSCIUTO COME STANDARD." Va bene, va bene. Mandami 'sto accidenti di modulo indietro e dimmi come te li devo dare 'sti soldi e siamo a posto. Chiudo la pagina e aspetto. Aspetto. Aspetto. A fine giornata niente. Ma quando scadono le 48 ore? Contano anche il week end? Passano il sabato e la domenica. Lunedì mattina Asus mi manda un'e-mail per sapere se ho gradito il servizio. Quale servizio? Accidenti a te! Mandami il modulo per pagare l'assicurazione che iniziamo la pratica, non 'ste pippe. A me 'sta storia delle 48 ore mi mette ansia, capito?

Martedì in preda all'agitazione chiamo di nuovo il numero a pagamento. Occupato. Poi non suona. Poi ancora occupato. Poi suona, mi mette in attesa per un operatore libero (e io pago!!!). Mercoledì finalmente riesco a parlare con un operatore che mi rassicura sulle 48 ore di scadenza - a quanto pare problema loro interno e non mio (boh?) - e mi dice di attendere con fiducia il ticket. Ok, aspettiamo.

Oggi che giorno è? Venerdì. Dopo otto, dicasi otto giorni, Asus Italia ancora non inizia la pratica di ritiro prodotto in garanzia. Ho esaurito la pazienza. E la prossima volta che mi verrà in mente di comprare un loro prodotto mi picchio da sola.

Nessun commento:

Template e Layout by Blografando2011 Distribuito da Adelebox