14/06/09

Un blog per meditare

«Ma scrivi ancora sul blog? Non ti sei rotta? Quanto sarà, un anno?»
«Eh, sì. Fra pochi giorni. Il 19 giugno sarà anno che scrivo sul blog.»

Capisco che per alcuni amici, soprattutto quelli che usano il pc solo perché costretti dal lavoro, tenere aperto un blog è una cosa incomprensibile. Però è vero che molti di loro da adolescenti hanno avuto un diario. Io non ho mai avuto tempo di scrivere le mie giornate su carta, ero troppo occupata a vivere. Ma dallo scorso anno, forse perché dopo i quaranta si diventa più consapevoli, ho scoperto questa piacevole attitudine. Fermare i pensieri sulle pagine di un blog è un nuovo modo per meditare, ritrovare se stessi e i propri spazi. I buddisti lavano i pavimenti, io scrivo qui. E non sono in cerca di nulla, è solo puro piacere personale. Senza egocentrismi. Non cerco un pubblico da ammaliare e nemmeno un contraddittorio con il quale confrontarmi. Consideratelo solo ciò che è: uno spazio personale di riflessione dove, chi ne ha voglia, può ascoltare - leggere - e nel caso commentare.

Nessun commento:

Template e Layout by Blografando2011 Distribuito da Adelebox