30/01/09

Domanda ai lettori


... ma voi che passate di qui spesso e leggete, che impressione vi siete fatta di me?

Perché l'altra sera una frase mi ha lasciata interdetta: "Leggendo il tuo blog mi ero fatto un'idea totalmente diversa... pensavo che fossi una specie di filosofa, seria, insomma una tipa impegnata... bacchettona... leggi un sacco di roba... sembri molto inquadrata. Fai quasi paura!"

Checcavolo! E io che pensavo d'aver centrato il messaggio - da brava comunicatrice. Forza, mi metto in discussione volentieri. I colori che ho scelto per la grafica, gli argomenti che tratto e il ritmo della scrittura dovrebbero raccontarvi di una persona solare, aperta, ironica e sempre col sorriso a fior di labbra. Sbaglio?


Commenti:


30 Gennaio 2009 - 15:43
 
No non sbagli sei proprio così, ma vorrei aggiungere... casomai ce ne fosse bisogno che ti manca anche qualche venerdì. :-D Lucia

30 Gennaio 2009 - 16:54
 
filosofa, seria, impegnata.. ok, anzi io li prenderei come un complimento, ma bacchettona non mi sembri proprio, poi penso che l'essere solari non si veda dai colori (il mio blog è nero, ma che c'entra?) ma dalla facilità di comunicare con tutti che a te di certo non manca, sei così aperta, ciao laura
 
30 Gennaio 2009 - 17:06
 
Laura carissima,
si comunica non solo con le parole ma anche con gesti, colori, suoni. Ho scelto il giallo e l'arancio perché sono colori che amo, che indosso e di cui mi circondo. Esprimono calore ed energia. ^__^  Non avrei mai potuto scegliere il nero per questo blog. Non è un colore che mi appartiene anche perché esprime "transizione", periodo vissuto nell'adolescenza e che da tempo ha lasciato il posto "all'essere". Io sono così: solare, sorridente e serena. Ma filosofa... proprio non direi. Oserei un riflessiva, forse. Ma anche istintiva

30 Gennaio 2009 - 18:44
 
se lo dici tu.. io comunque comunico con tutto, non vivo di queste regole, sono molto libera e non sai che cosa unica è trovare luce ed energia dal nero.. non ci sarebbero colori senza una base scura, te lo dico perché ho sempre amato i colori ma d'istinto (e li ho visti bene fino a 5 anni fa). forse ancora non hai capito in pieno quante qualità hai, a parte essere bacchettona che proprio non ti si addice credo, ciao cara, a presto. Laura

30 Gennaio 2009 - 19:20
 
Ehm, veramente... è l'esatto opposto. Il nero è ombra, assenza di luce e quindi di colore, mentre la luce si scompone in una miriade di colori. E' la teoria dei colori, è l'effetto prismatico della rifrazione della luce. Il nero - cito da un testo - "è la negazione del colore. Rappresenta il limite assoluto oltre il quale non c'è più nulla. E' il "no", in opposizione al "sì" del bianco. Il nero ed il bianco sono i due estremi, l'alfa e l'omega, l'inizio e la fine. Il nero, la negazione, rappresenta la rinuncia, la capitolazione completa o l'abbandono, ed influenza fortemente la scelta degli altri colori, rifondandone il carattere. Chi sceglie il nero rinuncia a tutto e protesta energicamente contro una situazione che non è come egli vorrebbe che fosse. Esalta il rosso (forza e potere), con il giallo esalta il potere intellettuale e con il rosa il potere sociale". Ma qui entriamo troppo nel tecnico... si vede che l'argomento mi appassiona? :-) Credo invece che nella tua frase "trovare luce ed energia dal nero" tu intenda proprio la rinascita dal buio... Invece riguardo le qualità... sono convinta che nessuno di noi conosca tutto il suo "potenziale"; altrimenti che senso avrebbe l'esistenza stessa? (oddio adesso sì che mi sento filosofa) ^__^ meglio che chiuda qui.

01 Febbraio 2009 - 10:56
 
mah qui mi sembra che ci si confonda un po'.. solo perché una persona ha un certo spessore, ama arricchirsi di nuove esperienze, nuove letture o nuove conoscenze, non significa certo che sia una filosofa ( come se questa parola avesse un'accezione negativa) o una bacchettona rigida.. credo che non necessariamente le due descrizioni debbano per forza camminare una fianco all'altra.. Anzi, ti vedo come una donna piena di energia, che ama tuffarsi nella vita come ci si getta in una ciotola piena d ciliegie, la vivacità intellettuale è solo positiva, per cui credo che dopotutto il commento che hai ricevuto in realtà sia pieno di complimenti, se lo si legge in maniera corretta ;-) Annalina

01 Febbraio 2009 - 12:23
 
bacchettona? o ha sbagliato termine, e intendeva altro..... o ci ha provato, e non ci sei stata ... ahahahahahaha i colori.... mah, io ho le pareti di cassa giallo/arancio, e invece il blog è nero... questione di gusto estetico, nel secondo caso, più che di messaggio.... e poi in Giappone è il bianco il colore associato alla morte ;-) Fedifrago

01 Febbraio 2009 - 12:28
 
Mi permetto di essere d'accordo con Annalina. Io ti conosco di persona e leggo anche il blog ma non trovo grandi differenze fra quello che scrivi e quello che sei di persona. Nel vederti dal vivo si sente molto l'energia e la positività che trasmetti mentre qui si sente meno ma è normale che sia diverso. Credo che quella persona non intendesse esprimere un giudizio negativo ma solo farti capire che era rimasta impressionata da quello che aveva letto; poi ti ha conosciuta di persona e ha capito che sei una persona semplice, diretta, non costruita come poteva pensare. Spero di essermi spiegata bene. Mara
 
01 Febbraio 2009 - 12:40
 
@Annalina
Apprezzo moltissimo il tuo intervento perché la nostra è un'amicizia virtuale e se hai capito così bene la mia personalità significa che sono ancora in grado di comunicare ^__^ Non sai che sollievo!

Nessun commento:

Template e Layout by Blografando2011 Distribuito da Adelebox