21/10/08

Rimini 1988 - capitolo 5

L'estate di Rimini è uno dei ricordi più intensi della mia vita. In due mesi divenni molto popolare e non solo perché ero la ragazza dell'autobus: il mio carattere espansivo ed esuberante piaceva molto alle donne! Di questo mi accorsi subito. No, non in quel senso... Volevo dire che non c'era rivalità di alcun tipo. Non mi sono mai considerata una bomba sexy - tipo Ester - anche se mi difendevo bene. La mia è sempre stata una bellezza carismatica. Ricordo, infatti, che uno dei due titolari - quello con la lingua più lunga - si arrovellava per capire il segreto del mio successo. A suo parere non ero figa... come lo intendeva lui, ovvio, però notava che c'erano tanti ragazzi che mi gironzolavano intorno e non riusciva a spiegarselo. Carino eh?

Il mio fascino attraeva soprattutto le straniere: le avvicinavo in spiaggia, al bar, per strada, praticamente ovunque. Non c'era lingua inglese, tedesca o francese che mi frenasse. Io mi facevo capire sempre e dove non arrivavo con i termini linguistici mi esprimevo a gesti. Ero una calamità naturale! La mia verve agiva da catalizzatore e le fanciulle mi adoravano. Tanto che la sera venivano a ballare tutte nel mio locale, lasciando i PR delle altre discoteche a bocca asciutta. Per divertirle avevo inventato una specie di gioco delle coppie. Mi ero procurata degli adesivi neri, rotondi, con stampata in bianco la B di Barcelona. Spiegavo loro che con quel bollino, attaccato sull'abito o sulla camicetta, avrebbero incontrato tanti altri ragazzi. Fu un successone! Quando rientravo dal mio giro all'una di notte mi divertivo a fare da "Cupido" in discoteca mettendo insieme le coppie e facilitando le amicizie. E qualche volta, anzi piuttosto spesso... veniva fuori qualcuno di interessante anche per me.

Assaporavo la libertà totale. Ero al centro dell'attenzione. Ed ero popolare, così popolare che i turisti mi fotografavano mentre mi dimenavo cantando sull'autobus! Vestivo in modo eccentrico, molto colorato, esprimendo la mia creatività e la gente si divertiva e si godeva lo spettacolo. Per i miei 23 anni era una situazione davvero elettrizzante. Però ebbi anche molti fastidi. Soprattutto con i gestori degli altri locali. Non ero a conoscenza del loro codice di comportamento non scritto perché nessuno si era mai preso la briga di spiegarmelo. Diciamo che ognuno aveva il proprio territorio per fare le pubbliche relazioni e secondo loro, io con la mia energia così vitale stavo invadendo quel territorio. In realtà, io lavoravo sempre e solo nei luoghi che mi erano stati assegnati dai titolari e non era certo colpa mia se la notorietà acquisita rompeva quei confini. Ma per evitare questioni venni esortata a "darmi una calmata". Facile a dirsi. Meno facile a farsi... Avete presente un vulcano in eruzione? Provate a fermarlo!

Tutta questa notorietà e gioia di vivere mi procurò anche molte invidie, soprattutto nel gruppo di ragazzini con cui lavoravo la sera. Come raccontavo all'inizio ci davano mille lire per ogni persona pagante che portavamo nel locale. Avevamo in dotazione delle cartoline con le quali il cliente riceveva uno sconto sul biglietto d'ingresso. Su queste cartoline c'era il timbro di riconoscimento di chi aveva fatto le PR. I miei incassi andavano bene, ma in agosto - periodo piuttosto intenso sotto il profilo lavorativo - mi accorsi che alcune delle mie cartoline erano state gettate nei bidoni della spazzatura proprio accanto il locale. Era ovvio che qualcuno cercava di farmi le scarpe! Protestai con i titolari, rivendicando i miei soldi e i miei diritti, ma erano sordi da entrambe le orecchie. Secondo loro stavo esagerando. Anche perché guadagnavo già tanto, cos'era qualche cartolina in meno? Avevano diritto anche loro di fare qualche soldino... Sti cazzi! Io con quei soldi ci vivevo e ci pagavo l'affitto di casa, mentre quei disgraziati vivevano con mamma e papà. Ma avevo capito l'antifona: io ero straniera, una friulana, mica una riminese! Prima di me sarebbero sempre venuti i loro figli. Era ora di svegliarsi dal sogno e affrontare la realtà.

Nessun commento:

Template e Layout by Blografando2011 Distribuito da Adelebox